Home Arredo Bagno Posa piatto doccia: una guida al fai da te | KV Blog

Posa piatto doccia: una guida al fai da te | KV Blog

Kv Magazine

di: Kiamami Valentina | pubblicato il: 16 Febbraio 2018

La posa del piatto doccia è uno di quegli interventi casalinghi che possono essere effettuati anche senza l’intervento di un professionista, l’importante è informarsi riguardo ai materiali occorrenti e conoscere bene tutte le fasi e gli accorgimenti necessari ad un’installazione ottimale.

Kiamami Valentina, da anni ormai opera all’interno del mondo dell’arredo bagno e ha l’obiettivo di rendere l’esperienza di ogni cliente unica e confortevole, per questo cerchiamo di fornire informazioni dettagliate ed aggiornate riguardo ai nostri prodotti. Una volta acquistato un piatto doccia e dopo che questo sarà giunto a destinazione non resterà che un’unica cosa da fare: posizionarlo. Non occorre, in questo caso chiamare installatori o esperti del settore, basterà seguire i passaggi di seguito descritti con attenzione.

Vediamo velocemente i materiali necessari: metro, livella a bolla, straccio, bacinella, cazzuola, pistola per il silicone ed ovviamente il silicone.

Primo step: prendere le misure

Il primo passaggio, prima ancora di acquistare il piatto per doccia, consiste nel misurare attentamente l’area in cui questo verrà installato. Munitevi quindi di un metro e misurate con precisione l’area dove intendete posizionare il box doccia: in possesso di questa informazione potrete procedere alla valutazione delle varie misure disponibili all’interno della sezione piatti doccia presente nel catalogo.

NB: ovviamente questo passaggio potrà essere evitato da coloro che devono sostituire un vecchio piatto con uno nuovo e ne conoscono già le misure. Nulla toglie che una misurazione in più per essere sicuri al 100% delle dimensioni non guasta mai.

Preparazione dell’area di installazione del piatto doccia

Anche questo passaggio può variare a seconda del tipo di ristrutturazione che stiamo apportando alla stanza da bagno. Nel caso di un intervento profondo (ad esempio si vuole cambiare anche il pavimento), oppure della costruzione di un ex novo bagno è consigliata l’installazione del piatto prima della posa del pavimento. Questo accorgimento facilita il collegamento allo scarico e permette di posizionare le piastrelle sotto al piatto per garantire una maggiore stabilità.

Nel caso in cui dobbiate sostituire il patto limitatevi a rimuovere quello vecchio e dopo esservi assicurati delle dimensioni procedete a rimuovere dall’area interessata eventuali residui e polveri. La zona infatti dovrà essere sgombra e pulita.

Verifica della pendenza del piatto e posa del piatto doccia

Essenziale è la verifica di una corretta pendenza del piatto doccia. Adagiate il piatto nel sito in cui intendete installarlo e servendovi della livella verificate che esso sia perfettamente piano. Un’inclinazione scorretta ne comprometterebbe l’uso in quanto l’acqua non verrebbe raccolta nello scarico ma rischierebbe di fuori uscire ed allagare il bagno. Per aggiustare l’inclinazione, se il piatto non è dotato di piedini regolabili potrete utilizzare quattro blocchi in calcestruzzo sui quali potrete porre il piatto.

Una volta certi che la posizione risulterà corretta potrete procedere con la stesura di uno strato di malta, sabbia oppure calce.

Assicurandovi che tutte le parti combacino, procedete al posizionamento del tubo di scarico, nel quale defluirà l’acqua. Il modello di piletta va scelto in base alla tipologia di piatto doccia acquistato: esistono pilette per piatti sottili oppure per piatti alti.

NB: nel caso si voglia installare un piatto doccia a filo pavimento, come ad esempio questo elegante piatto doccia ultrasottile, prima della posa delle piastrelle saranno necessari alcuni ulteriori accorgimenti: dovrete prendere in considerazione l’altezza di entrambi e assicurarvi che sia tutto a livello.

Testare lo scarico dell’acqua

Per assicurarvi che l’acqua defluisca correttamente sarà sufficiente che versiate un secchio d’acqua sul piatto. Se l’acqua si raccoglierà nello scarico vorrà dire che avete fatto un ottimo lavoro!

In ogni caso effettuate un ultimo controllo usufruendo della livella. Una piccola imperfezione potrebbe sfuggire in un primo momento ma nel lungo periodo potrebbe causare delle problematiche. Una volta certi che tutto sia completamente conforme ai requisiti per una funzione ottimale del piatto potete procedere con il fissaggio.

Ed infine il fissaggio

Non vi resta che completare l’installazione del piatto servendovi di silicone o stucchi elastici che vi permetteranno di fissarlo e rendere la zona impermeabile. Il materiale più utilizzato è il silicone, che potrete acquistare in ferramenta. Ne esistono alcuni tipologie specifiche per l’utilizzo nella stanza da bagno che aiutano inoltre ad evitare la proliferazione di muffe e batteri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *