Home Arredo Bagno Storia del bagno: com’era e com’è oggi | KV Store

Storia del bagno: com’era e com’è oggi | KV Store

di: Kiamami Valentina | pubblicato il: 10 Ottobre 2017

Di certo, quella del bagno è una storia molto travagliata e lunga, e KV Store, il negozio di arredamento e accessori bagno vi racconta le sue origini, relative a due particolari oggetti, il water, che ha subito una profonda trasformazione, e la vasca da bagno, che invece ha mantenuto nel tempo sembianze costanti. Le prime notizie risalgono addirittura all’antico Egitto, dove il concetto di bagno era molto diverso dal nostro.

Il water: dagli albori al medioevo..

Al tempo delle piramidi avere un luogo appartato era prerogativa di faraoni e clero; tutti gli altri invece utilizzavano come water delle buche scavate appositamente nel terreno e ricoperte subito dopo. Grazie ai geroglifici si sa però, che i faraoni possedevano stanze private adibite a gabinetto dove si trovavano vasi d’oro ricoperti di velluto: un pregiato antenato del nostro “vasino”. Per vedere un più simile antenato del water odierno si devono aspettare i Romani, con i quali l’igiene iniziò a profilarsi anche tra la plebe: si devono a loro infatti il sistema fognario, gli acquedotti e le latrine con acqua corrente. Ogni nobile romano possedeva una latrina privata interna o esterna all’abitazione costituita da un foro con seduta marmorea, sotto al quale scorreva acqua corrente. Molto simili erano anche le latrine pubbliche, le quali erano multiple all’interno della stessa stanza e con più sedute una vicina all’altra. Si deve inoltre sempre ai Romani l’invenzione dei “Vespasiani”, nati come recipienti attaccati al muro delle botteghe dei lavandai per raccogliere l’urina dei passanti da cui estrarre ammoniaca per trattare la lana.

 

..e dal Medioevo ad oggi

Se fino all’inizio del Medioevo l’igiene era una questione poco trattata, a causa di diverse ragioni dell’epoca la situazione andò sempre peggio. Ritenendo che l’acqua fosse nociva, si iniziò ad utilizzare sempre meno le latrine pubbliche preferendo invece il “vaso da notte” in rame o terracotta o le “comode” con il buco centrale “a serratura” (riservata però alle caste più agiate), il cui contenuto veniva lanciato nei canali di scolo della strada: da qui, le numerose epidemie dilaganti in tutte le città.

Si dovrà aspettare il 1800 prima di vedere un water simile a quello odierno, grazie all’invenzione di Brondel J. F., in seguito migliorata con l’installazione dello sciacquone da J. Preiser. Oggi, i water sono costituiti da sedute forate in ceramica, più o meno personalizzabili, con le cassette dell’acqua per lo sciacquone a vista o incassate nel muro, con la libera scelta di installare sanitari a terra piuttosto che sospesi.

 

La vasca da bagno

La vasca da bagno è sicuramente l’elemento d’arredo del bagno che meno ha subito modifiche, se non qualche miglioria: è sempre stato un recipiente abbastanza capiente che veniva riempito d’acqua, inizialmente in legno e solo in seguito in rame, ottone o ceramica. Ciò che si è evoluto è il modo in cui veniva concepito il “lavarsi”: con gli antichi Greci o Romani, il corpo veniva lavato nelle terme, considerate luogo di incontro più che di igiene e cura del corpo. Nel Medioevo invece, così come per il water, anche il ruolo del “catino” fu segnato da un declino costante. Essendo l’acqua nociva, si riteneva che fossero i vestiti la protezione per il corpo dalla sporcizia e che quindi dovessero essere lavati loro, non le persone. Si arrivò al punto di effettuare un bagno all’anno e, complice la scarsità d’acqua pulita e la difficoltà nel riscaldarla, nella stessa acqua per tutta la famiglia: prima il padre, poi i figli più grandi, la madre ed infine i bambini. Oggi giorno l’avere una vasca da bagno in casa è ritenuto un lusso che non tutti possono permettersi, soprattutto a causa dello spazio disponibile nell’abitazione. Inoltre anche i materiali di fabbricazioni che vengono impiegati sono stati migliorati, basti pensare al favoloso marmo ricomposto, come ad esempio la vasca da bagno freestanding Veronica di KV Store.

Fatta un po’ di storia concludiamo l’articolo invitandovi a visitare il nostro sito online di KV Store, per scoprire la nostra volontà di rincorrere i tempi e le tendenze offrendo al cliente dei prodotti sempre innovativi e moderni.

Categorie: Arredo Bagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *