La rivoluzione del pvc e la nuova sfida della Gerflor

8 Giugno 2016 Scritto da:Kiamami Valentina Tempo di lettura: circa 2 minuti

Pavimenti in PVC di Gerflor

In questo articolo parliamo degli ormai diffusissimi pavimenti in PVC, utilizzato in moltissime applicazioni industriali e negli ultimi anni anche nell’edilizia per la lavorazione dei pavimenti.
E’ un materiale autoadesivo ricavato dal ploriclorulo di vinile.
Le caratteristiche più importanti del PVC sono:
– è facilissimo da posare, può essere fatto anche in fai da te, si incollano letteralmente le piastrelle o i quadrettoni di materiale su di una superficie che deve essere semplicemente liscia e pulita;
– resistente al fuoco;
– imita alla perfezione gli altri materiali, come marmo, parquet;
– ha un costo molto contenuto rispetto ad altri materiali utilizzati per i pavimenti;
– è molto resistente all’acqua quindi può essere utilizzato anche in bagni e cucine, ed è anche resistente all’usura;
– ha un ottimo isolamento acustico consente di attutire i colpi per questo viene ad essere utilizzato in ambienti dove è necessaria molta sicurezza, come ospedali, asili ed è antiscivolo;
– è costituito da materiale antistatico che consente di disperdere le cariche elettrostatiche;
– è riciclabile al 100%.
I prezzi di questo materiale possono variare a seconda dello spessore scelto, del design e del potere ponoassorbente, il costo approssimativo si aggira intorno ai 13-15 euro per metro quadrato.
Parlando di pavimenti in pvc di Gerflor, bisogna fare una essenziale distinzione, vi sono quelli omogenei e quelli eterogenei.
I pvc omogenei sono i primi comparsi sul mercato e sono caratterizzati da un’unica pasta in pvc con l’aggiunta di cariche minerali inerti, con i coloranti, stabilizzanti e plastificanti in varie proporzioni.
Il loro spessore è di circa due tre millimetri e possiamo trovarli sia sotto forma di piastre che di teli.
Quelli omogenei sono i pavimenti che maggiormente riescono ad imitare le varie tipologie di superficie, addirittura il mosaico.
I pvc eterogenei, sono invece costituiti da più strati che vengono ad essere aggregati tra di loro tramite un processo che viene chiamato pressatura.
Tra le più richieste abbiamo sicuramente le piastrelle in pvc simil- parquet, esteticamente si avvicinano molto al risultato senza contare un risparmio in termini economici notevole.
Tra le più originali tipologie di pavimenti in pvc non possiamo dimenticare , quello che riproduce l’effetto del prato inglese, simulano l’erba, sono impermeabili e sono adatte per i giardini e gli esterni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *