•  
  • Piatti Doccia (12)

Piatto doccia in resina, pro e contro

Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: 14 novembre 2016
piatto doccia in resina
piatto doccia in resina

Il piatto doccia in resina è il prodotto del momento. Quello più ricercato, più voluto e più acquistato oggi. Sul sito di Kiamami Valentina l’offerta è molto ampia, tra i prodotti possiamo trovare anche il celebre modello Klio.

Il materiale resina, è anche detto marmo ricomposto. Si tratta di una tipologia di materiale naturale, assolutamente rispettoso dell’ambiente. Il suo componente principale è la dolomite, minerale composto da carbonato di calcio e magnesio, CaMg(CO3)2.

Nacque ben 250 milioni di anni fa, quando sulla Terra c’era un’attività vulcanica maggiore e le dolomie erano ricoperte da strati di magma. A causa delle temperature elevate e della forte pressione iniziarono a  cristallizzarsi i minerali primitivi.

L’effetto di questi processi di trasformazione è alla base della durezza che caratterizza il marmo ricomposto e ne determina anche il suo aspetto estetico.

Attualmente la materia prima è estratta e fornita da alcune miniere situate sul territorio dell’Unione Europea, in particolare dalla Spagna. Le rocce dopo l’estrazione vengono pulite e macinate.

La superficie del prodotto che acquistiamo è poi ricoperta di gelcoat, una resina poliestere pigmentata con particelle di quarzo. Questo strato garantisce la lucentezza finale e la levigatezza della superficie.

Piatto doccia in resina: i vantaggi.

E’ un materiale caratterizzato da una straordinaria durevolezza e resistenza ai danni meccanici tanto da poter essere utilizzato a filo del pavimento, con un effetto di sublime eleganza.

E’ facilmente riparabile, senza rendersi necessario l’intervento di uno specialista limitando così la spesa notevolmente.

Il piatto doccia in resina trattiene perfettamente il calore rendendo il vostro bagno più lungo e più piacevole.

Piatto doccia in resina: contro.

L’unico svantaggio del marmo ricomposto è che, dopo molti anni di utilizzo quotidiano, potrebbe variare leggermente il suo colore. In realtà basta una minima attenzione alla cura e manutenzione del piatto doccia per evitare che ciò accada.

Piatto doccia 70×90 ultra sottile Klio.

Piatto doccia 70x90 ultra sottile Klio
Piatto doccia 70×90 ultra sottile Klio

 

Altro esempio di grande stile ed eleganza è il piatto doccia 70×90 Klio, ultra sottile. Solo 3 cm di spessore che permettono di installare questo piatto anche a filo del pavimento per ottenere una resa raffinatissima, integrandosi perfettamente con quello che è l’ambiente circostante.

Esteticamente le linee sono taglienti, nette, glaciali, suggerendo questa sensazione di elegante seriosità.

Piatto doccia 70×90 Klio, perfetto esempio di “piatto invisibile”.

Per via del loro spessore così esiguo, i piatti ultrasottili sono anche detti piatti invisibili. Da qualche anno i migliori produttori del settore si stanno orientando verso dei modelli dall’assetto piuttosto esile, per minimizzare il più possibile il divario tra il piatto doccia e la pavimentazione.

Dal punto di vista estetico si capisce subito che un piatto ultra sottile ha un profilo elegante e raffinato, quanto di più adatto per chi ha un debole per il design minimal.

Da un punto di vista funzionale, invece, i piatti ultrasottili sono di quanto meglio si possa chiedere al giorno d’oggi per chi ha difficoltà motorie e cerca un modo comodo per accedere al piatto doccia in tutta sicurezza.

Come anticipato, per un effetto ancora più raffinato c’è la possibilità di installare il  piatto doccia 70×90 Klio a filo della pavimentazione, facendo in modo che il livello del pavimento e quello del piatto combacino perfettamente, con millimetrica precisione.

Piatto doccia 70×90 Klio, praticità in marmoresina.

La marmoresina, detta anche marmo ricomposto, è un materiale naturale, ricoperto da gelcoat, ovvero una resina poliestere pigmentata con particelle di quarzo. Questo strato garantisce lucentezza ed è il motivo principale per il quale la superficie appare così liscia e levigata.

I vantaggi della marmoresina sono diversi, tra i principali da ricordare sono sicuramente la sua straordinaria durevolezza e resistenza, la sua grande capacità di trattenere il calore e la sua semplicità nel riparalo, qualora vi sia quache graffio.

I piatti doccia innovativi realizzati in marmoresina

In un periodo di grande crescita per l’arredamento di design, anche il bagno, stanza da sempre indispensabile quanto sacrificata, si è fatto spazio con soluzioni funzionali ed esteticamente belle.

Gli ambienti classici hanno mantenuto il proprio stile impreziosendolo con dettagli retrò e dall’effetto rurale, mentre quelli più moderni hanno potuto sbizzarrirsi grazie ai numerosi elementi innovativi immessi sul mercato.

L’azienda Kiamami Valentina, ad esempio, propone in vendita elementi realizzati con i migliori materiali in grado di inserirsi in ogni contesto: rubinetteria dall’aspetto grafico, mobili da bagno dalle linee ricercate, cabine doccia multifunzionali e piatti doccia quasi invisibili. Sono proprio questi ultimi che, per merito del loro aspetto tanto piacevole quanto discreto, recentemente hanno visto impiegati materiali diversi per la loro realizzazione: infatti, se fino a poco tempo fa, essi venivano costruiti in ceramica o plastica, ora hanno riconosciuto un materiale innovativo chiamato marmoresina.

Tali piatti doccia vengono definiti invisibili per il loro spessore: esso, che misura solo pochi centimetri, permette di ridurre al minimo il divario con il pavimento diventando una vera e propria parte integrante dell’ambiente stesso. Oltre un piacevole effetto estetico, però, i piatti doccia invisibili in marmoresina vantano anche un vantaggio inerente alla sicurezza: non essendo presente alcun dislivello tra il pavimento ed esso, è possibile ridurre al minimo il pericolo di inciampare rovinosamente.

La marmoresina è un materiale innovativo, composto solitamente da carbonato di calcio, magnesio e resine naturali. Il suo aspetto, che ricorda perfettamente quello del marmo naturale, è reso lucido e brillante dal trattamento della superficie con un film di gelcoat; tale strato protettivo, inoltre, garantisce un’ottima resistenza dal punto di vista fisico e chimico.

Tali piatti doccia sono disponibili, nel negozio online di Kiamami Valentina, in diverse forme e misure rendendosi ideali per ogni esigenza: a base quadrata, semicircolare o rettangolare.

 

Piatti doccia “invisibili”: che cosa sono?

piatto-doccia-ultra-sottile-modello-klio
PIATTO DOCCIA 80X140 ULTRA SOTTILE MODELLO KLIO

Che cosa sono i piatti doccia invisibili? Nel mondo dell’arredo bagno capita sempre più frequentemente di sentir parlare di questa particolare tipologia di piatto doccia, scopriamo subito di cosa si tratta.

Che cosa sono i piatti doccia invisibili?

I piatti doccia invisibili sono noti anche come piatti doccia ultrasottili: proprio per via del loro spessore così esiguo, infatti, sono spesso definiti in questo modo.

Già da alcuni anni, in realtà, i migliori produttori del settore si stavano orientando verso dei modelli dall’assetto piuttosto sottile, al fine di rendere minimo il divario tra il piatto doccia e la pavimentazione; i modelli di ultima generazione, invece, hanno raggiunto uno spessore talmente minimo da essere appunto invisibili, divenendo una vera e propria parte integrante del pavimento su cui sono installati.

I punti di forza dei piatti doccia invisibili

Scegliere dei piatti doccia invisibili è una soluzione molto interessante anzitutto dal punto di vista estetico: un piatto doccia al medesimo livello del pavimento, infatti, ricrea un ambiente molto elegante e raffinato, quanto di più adatto per chi ha un debole per i design contemporanei e minimalisti.

In molti, inoltre, apprezzano i piatti doccia invisibili dal punto di vista della sicurezza: non essendovi alcun dislivello tra la doccia e il pavimento, infatti, si scongiurano efficacemente eventuali rischi di cadute, un aspetto molto importante, quest’ultimo, per chi ha difficoltà motorie.

Piatti doccia invisibili e modalità di installazione

Questi moderni piatti doccia ultrasottili possono essere installati in due modalità differenti, entrambe assolutamente valide.

Anzitutto, questi piatti doccia si possono installare direttamente sul pavimento: in virtù del loro così esiguo spessore, infatti, questi piatti doccia donano un effetto impeccabile anche tramite questa installazione tecnicamente molto semplice, in alternativa si può optare per la cosiddetta installazione filo pavimento, grazie alla quale il livello del pavimento e quello del piatto combaciano in modo perfetto, con millimetrica precisione.

 

Piatti doccia, come scegliere il modello ideale?

Commenti: Nessun Commento
Pubblicato il: 11 luglio 2016
piatto-doccia-sottile-a-pavimento-modello-klio
Piatto doccia sottile a pavimento 70×90 cm Modello Klio

Scegliere un piatto doccia per il proprio bagno è un’operazione che va eseguita con accortezza: questo elemento, infatti, influisce in modo importante sull’estetica e sulla funzionalità del box doccia, e le possibilità di assicurarsi dei modelli di qualità sono tantissime.

Le forme dei piatti doccia

Se si parla di piatti doccia si può far riferimento a una gamma di modelli decisamente vasta dal punto di vista delle forme.

La scelta di un piatto doccia deve ovviamente dipendere dall’assetto del box presso il quale si prevede di installarlo, e da questo punto di vista le possibilità sono tantissime.

I piatti doccia possono avere una forma quadrata, rettangolare, o anche semicircolare, soluzione gettonatissima, quest’ultima, per i box doccia installati ad angolo.

Anche dal punto di vista delle dimensioni, ovviamente, i piatti doccia possono presentare le peculiarità più disparate.

Piatti doccia e spessore

Un altro parametro molto importante sulla base di cui valutare un piatto doccia è inoltre rappresentato dal suo spessore: da questo punto di vista le possibilità sono tantissime, e negli ultimi tempi i consumatori stanno apprezzando in modo particolare i modelli dalla struttura sottile.

Un piatto doccia sottile sa effettivamente rivelarsi una scelta di grande qualità, sia dal punto di vista estetico che funzionale, e a tal riguardo si sono registrate negli ultimi tempi molte novità interessanti.

Sono ormai divenuti una realtà molto solida i piatti doccia ultrasottili, dei modelli definiti anche come piatti doccia filo pavimento: grazie a uno spessore pressoché impercettibile, nell’ordine di circa 3 mm, questi piatti doccia sanno ricreare delle soluzioni uniche per stile e design.

La scelta dei materiali

Nel momento in cui si sceglie un piatto doccia per il proprio bagno è molto importante informarsi sui materiali con cui è stato prodotto.

É fondamentale che un piatto doccia sia realizzato in materiali antiscivolo, per scongiurare qualsiasi rischio di cadute, inoltre deve ovviamente trattarsi di un materiale resistente, longevo e semplice da pulire.

Tra i materiali innovativi più interessanti è possibile citare, a titolo di esempio, il cosiddetto Mineralmarmo.

pagina 1 di 3»

Benvenuto , oggi è lunedì, 23 gennaio 2017